Realizzare il loop alla coda o polyleader

Molte fly line (o polyleader) vengono venduti già con il loop realizzato. Ma cosa fare se così non fosse o peggio ancora, il nostro si dovesse rompere? E’ chiaramente possibile ricorrere ad i cosiddetti loop a “calzetta” comodamente applicabili alla coda, ma personalmente quando posso preferisco ricorrere al sistema di seguito descritto.

 

Indipendentemente che si tratti coda o polyleader ciò che occorre è un bobinatore, il Mono Thread e la colla Gulff UV Flexman

 

 

 

Ripiegando la punta della coda su se stessa fermate fra le dita il filo e fissatelo come se doveste realizzare una mosca, ma intrappolando i due capi per realizzare il loop.

 

 

 

Come vedete i due capi della coda sono fissati parallelamente fra loro e le spire sono ordinate

 

 

Chiudete con un classico nodo di chiusura fatto a mano il filo e rimuovete eccedenza. Notare che il capo della coda va tagliato obliquo per non creare problemi con gli anelli della canna durante avvolgimento.

 

 

A questo punto realizzate un secondo loop più prossimo alla fine del primo dove attaccherete il finale, questo risulterà più piccino, ma la procedura è la stessa.

 

Chiudere anche il secondo. Come si vede fra le due legature resta uno spazio che darà migliore tenuta al tutto. Ovviamente questo è un sistema non applicabile per la pesca leggera in fiume o lago, meglio per i predatori.

 

 

 

Potete cementificare con colla cianoacrilica e rivestire il tutto con la Gulff Flexman, garantirà morbidezza e protezione ai nodi. Evitare di esagerare con la quantità!

 

 

Il lavoro finito e trasparente, il vostro loop è a prova di battaglie che ricorderete…

Il loop proposto riguarda prevalentemente la pesca dei predatori ed in lago. E’ possibile semplificarlo realizzando una sola legatura direttamente (anzichè due) e farlo con del filo di montaggio colorato. Personalmente preferisco il filo trasparente in questione per evitare che i pesci attacchino la parte colorata (soprattutto in lago) causando mangiate a vuoto.

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui tuoi social!

Facebook
Google+
Twitter

Lascia un commento

Menu